Il Castelfranco Emilia IGT può essere prodotto nelle tipologie bianco, moscato e trebbiano. Tali tipologie possono essere prodotte sia frizzanti che con mosto di uve parzialmente fermentato.

La zona di produzione comprende il territorio di numerosi comuni appartenenti alle province di Bologna e di Modena.

Il vino è talmente immerso nelle vicende storiche e culturale del territorio a cui appartiene, che a volte ne definisce il confine e l’identità. Bologna e Modena, infatti, erano storicamente città rivali, Bologna apparteneva allo Stato Pontificio, Modena era invece capitale di un piccolo ducato legato alla Casa reale d’Asburgo-Lorena. Chi, appena più di un secolo fa, si recava da Modena a Bologna, una volta attraversato il fiume Panaro, trovava che erano proprio i vigneti a segnalare tale confine: lo Stato Pontificio e i vitigni del lambrusco lasciavano infatti spazio ai vitigni a bacca bianca (montù, trebbiano e albana).

La sede operativa

SOP19 Modena

torna Indietro